» La Proposta Di Legge 'Libera La Domenica' Arriva In Parlamento > Notizie E Normative
sei qui:  La proposta di Legge 'Libera la Domenica' arriva in Parlamento > Notizie e Normative
Home Page  Stampa  Segnala

La proposta di Legge "Libera la Domenica" arriva in Parlamento

La raccolta firme terminata con un grande consenso, e adesso la Proposta di Legge per frenare l'eccesso delle liberalizzazioni su orari e aperture del commercio approdata in Parlamento.
a cura della Redazione
  |  Letto 4632 volte



La proposta di Legge 14-05-2013 | Con 150 mila firme raccolte, la Confesercenti ha annunciato il successo dell’iniziativa ‘Libera la Domenica’, avviata a novembre del 2012 e attinente la raccolta di sottoscrizioni - promossa da Confesercenti con Federstrade e il sostegno della Cei, di alcune Regioni e delle Organizzazioni Sindacali - per presentare in Parlamento una Proposta di Legge di iniziativa popolare il cui obiettivo è riassegnare alle Regioni piena competenza in materia di orari delle attività commerciali. La Proposta di Legge è stata depositata oggi presso la Camera dei Deputati, e all'occorrenza sono stati illustrati i risultati raccolti a partire dall'introduzione.

Giusto per riassumere, gli effetti del decreto Salva-Italia hanno causato la frenata dei consumi fermi, con il conseguente record di chiusure dei negozi. Il regime di ultra-liberalizzazione introdotto dal Decreto Salva Italia, che in teoria avrebbe dovuto rilanciare i consumi nazionali, non ha sortito l’effetto sperato, ma piuttosto si è tradotto in un eccezionale aggravio aggiuntivo per le PMI del commercio travolte dalla crisi.
L’effetto sul settore è stato devastante: nel solo primo trimestre del 2013, l’aumento delle chiusure - 167 al giorno - e il crollo record delle nuove aperture (-50%) ha portato a un saldo negativo di quasi 10.000 negozi, sparite e mai rimpiazzate.
Un fenomeno che sta avendo pesanti ripercussioni economiche e sociali sul nostro Paese. Innanzitutto sull’occupazione: nel primo trimestre si stima una perdita, solo nel settore, di 30.000 posti di lavoro circa.

L’emorragia di piccole e medie imprese del commercio ha anche accelerato il fenomeno della desertificazione urbana, ovvero la diminuzione dei negozi di vicinato nelle nostre città, in particolar modo nei centri storici. Un fenomeno ormai consolidato e particolarmente evidente nel settore del commercio al dettaglio alimentare. Tra il 2002 e il 2012, il numero medio di esercizi del comparto ogni mille abitanti è passato da 2,1 a 1,6, con una diminuzione del 24,3% in termini percentuali. La contrazione del servizio di vicinato, nel periodo e nelle province esaminate, si accompagna all’aumento della popolazione residente sopra i 65 anni, per i quali la disponibilità di un negozio sotto casa è un fattore importante nella qualità della vita, perché permette spostamenti più brevi e meno gravosi.

«Va apprezzato l’impegno – ha dichiarato il presidente di Confesercenti Marco Venturi durante la conferenza stampa svoltasi alla Camera dei Deputati - di realtà che hanno fattivamente contribuito al raggiungimento del positivo risultato della raccolta di 150 mila firme, promossa da Confesercenti e da Federstrade. Va evidenziato anche il sostegno attivo della Cei ed in particolare di Mons. Bregantini. C’è stato un ampio coinvolgimento di imprenditori, lavoratori dipendenti con l’adesione dei sindacati di categoria Cgil, Cisl e Uil. Sul territorio si sono distinte anche le associazioni del mondo cattolico, a partire dalle Acli e realtà del mondo laico. Confesercenti ritiene inoltre significativo l’appoggio dei Presidenti delle Regioni Toscana, Emilia, Veneto e Piemonte. Di grande interesse è stato anche il ruolo esercitato dai social network con oltre 30 mila persone interessate all’iniziativa».


© modaPORTALE. RIPRODUZIONE RISERVATA


Tag: Liberaladomenica, Confesercenti, aperture, domenica, negozi, commercio
0 Commenti


Attualmente non ci sono commenti per questo articolo!
Inserisci un commento per questa notizia.
(*) Nome e Cognome:
(*) E-mail:
(Non verrà pubblicata)
Provincia:
(*) Commento:
codice random
Per inviare il tuo commento inserisci qui, il codice che vedi nel riquadro a sinistra.
Informativa ai sensi della legge 196/03. Inviando il presente modulo si dichiara di aver preso visione delle condizioni Privacy di modaPORTALE.
Vuoi segnalarci una notizia?
Puoi inviarla alla nostra redazione utilizzando il modulo contatti; il nostro staff provvederà a pubblicare le segnalazioni più interessanti.
Ricerca Aziende


 
© & ® 2009-2020 modaPORTALE
Tutti i diritti sono riservati. P. iva: 06535150723
Testata Giornalistica registrata n.17/09 del 22/12/2009
presso il Tribunale di Trani.
 
Home Page | Mission | Cosa è modaPORTALE | Investor Relations | Area Press
Contatti | Pubblicità | Richiedi la Brochure
Condizioni Generali | Privacy Policy | Copyright | Sicurezza

Diventa fan su Facebook