» Contenziosi Con Il Fisco: Facili Chiusure Solo Se Fatte Entro Novembre > Notizie E Normative
sei qui:  Contenziosi con il fisco: facili chiusure solo se fatte entro novembre > Notizie e Normative
Home Page  Stampa  Segnala

Contenziosi con il fisco: facili chiusure solo se fatte entro novembre

Tutte le imprese che possiedono dei contenziosi fiscali pendenti con l'Agenzia delle Entrate potranno risolverli in maniera agevolata entro novembre e fino a 20mila euro.
  |  Letto 1362 volte



Contenziosi con il fisco: facili chiusure solo se fatte entro novembre 15-09-2011 | I contribuenti che hanno una questione ancora aperta col Fisco, e comunque non oltre il tetto di 20mila euro, potranno risolverla entro il 30 novembre 2011 pagando un importo agevolato. L'Agenzia delle Entrate ha deciso di offrire questa opportunità introducendo la manovra correttiva (Dl 98/2011), che consente di definire le controversie fiscalipendenti fino al 1° maggio scorso davanti alle Commissioni tributarie o alla Corte di Cassazione.

Il Direttore dell’Agenzia delle Entrate ha infatti firmato oggi stesso il provvedimento con il quale è stato approvato il modello di domanda per la definizione delle liti fiscali pendenti. La chiusura riguarderà tutti gli atti impositivi compresi gli avvisi di accertamento e i provvedimenti di irrogazione delle sanzioni. Ma cerchiamo di far luce sulle determinazioni delle somme per la chiusura.
Se il valore della lite è di importo fino a 2mila euro, la somma da pagare sarà di 150 euro. Se il valore della controversia supera i 2mila euro, la somma da pagare dovrà essere pari al 10% del valore della lite nel caso di provvisorio esito favorevole al contribuente, mentre passerà al 30% se l’organo giudiziario non si sarà ancora pronunciato e al 50% se l’esito provvisorio darà esito favorevole all’Agenzia.

Occhio però al calendario per porre fine in tempo alla lite; per chiudere le liti in modo agevolato occorre tenere ben presenti due scadenze. Innanzitutto, entro il 30 novembre prossimo bisogna versare gli importi dovuti. In un secondo tempo, entro il 2 aprile 2012 sarà necessario presentare la relativa domanda di definizione della lite. La definizione non consente né di pagare a rate le somme dovute né di compensarle con qualsiasi credito d’imposta.
Tra le liti che restano escluse dalla sanatoria vi sono quelle relative al rifiuto espresso o tacito alla restituzione di tributi e quelle sugli avvisi di liquidazione e i ruoli. Inoltre, sono escluse anche le liti sull’omesso versamento dei tributi e quelle collegate ai precedenti condoni.


© modaPORTALE. RIPRODUZIONE RISERVATA


Tag: Agenzia delle Entrate, condoni, fisco, imprese, manovra, lite, fiscale
0 Commenti


Attualmente non ci sono commenti per questo articolo!
Inserisci un commento per questa notizia.
(*) Nome e Cognome:
(*) E-mail:
(Non verrà pubblicata)
Provincia:
(*) Commento:
codice random
Per inviare il tuo commento inserisci qui, il codice che vedi nel riquadro a sinistra.
Informativa ai sensi della legge 196/03. Inviando il presente modulo si dichiara di aver preso visione delle condizioni Privacy di modaPORTALE.
Vuoi segnalarci una notizia?
Puoi inviarla alla nostra redazione utilizzando il modulo contatti; il nostro staff provvederà a pubblicare le segnalazioni più interessanti.
Ricerca Aziende


 
© & ® 2009-2017 modaPORTALE
Tutti i diritti sono riservati. P. iva: 06535150723
Testata Giornalistica registrata n.17/09 del 22/12/2009
presso il Tribunale di Trani.
 
Home Page | Mission | Cosa è modaPORTALE | Investor Relations | Area Press
Contatti | Pubblicità | Richiedi la Brochure
Condizioni Generali | Privacy Policy | Copyright | Sicurezza

Diventa fan su Facebook