» Marco Achille: Il Pugilato Aiuta I Ragazzi Problematici > Comunicati Delle Aziende
sei qui:  Marco achille: il pugilato aiuta i ragazzi problematici > Comunicati delle aziende
Home Page  Stampa  Segnala

Marco achille: il pugilato aiuta i ragazzi problematici

Marco achille, insieme alla boxisland di milano recupera i ragazzi in difficoltà attraverso la boxe.In questa intervista ci parla del progetto
Comunicato inserito da Lilla Lolallo
  |  Letto 675 volte
Marco Achille: il pugilato aiuta i ragazzi problematici 05-02-2016 | Marco achille, manager milanese insieme al boxing club boxisland di milano si occupa del recupero di giovani in difficoltà attraverso il pugilato.L’iniziativa coinvolge tutti quei ragazzi che hanno un passato problematico, legato ad episodi di delinquenza o a famiglie disfunzionali.Abbiamo parlato con marco achille riguardo a questo importante progetto.

Perché praticare proprio la boxe dovrebbe aiutare i giovani difficoltosi?
“il pugilato viene spesso percepito come uno sport violento ma in realtà non lo è” -i dice marco achille - “banalmente, non si tratta solo di prendersi a pugni!La boxe insegna il rispetto dell’altro, la pazienza e l’umiltà”.

In che modo avviene questo?
“quando si ha un passato turbolento, è facile abbandonarsi alla violenza per gestire i conflitti.Ci sono giovani che vivono, o hanno vissuto, in famiglie dove non c’è dialogo, quindi capita che spesso ricorrano alla forza fisica perché non sanno come gestire le controversie a parole.Al boxisland di milano insegnamo ad avere rispetto dell’avversario: seppure ci si scontri, anche duramente, quando ci si allena ed in gara, alla fine di ogni incontro bisogna abbracciare l’altro pugile.L’avversario rappresenta la vita e le sue difficoltà ed abbracciarlo significa averne rispetto.Metaforicamente, i ragazzi devono imparare che le cose negative incontrate nella loro vita sono esperienze formative, che li renderanno adulti più consapevoli, e non ostacoli da rimuovere o cancellare con la violenza”.

Ma non è pericoloso insegnare a ragazzi violenti come “fare a cazzotti”?
“la boxe è uno sport nobile con delle regole precise che non devono essere oltrepassate.Tutti i ragazzi che fanno parte del nostro progetto le conoscono e sono tenuti a rispettarle.Picchiare qualcuno fuori dal ring non è tollerato: tutte le tecniche insegnate devono rimanere confinate all’interno della palestra!- marco achille continua - ovviamente, prima di mettersi i guantoni li prepariamo fisicamente allo scontro.Saltare la corda, imparare come muoversi, tirare pugni al sacco: sono tutti step che i nostri ragazzi devono affrontare prima di salire sul ring.I nostri ragazzi così imparano ad avere pazienza, cioè che non tutto può avvenire subito.La boxe è una sorta di danza e bisogna imparare i passi e le posizioni prima di mettere in piedi lo spettacolo!”


Per approfondire vai al sito: www.boxeisland.it
Vuoi pubblicare un comunicato in questa pagina e nella Home Page?
Per inserirlo è necessario effettuare una registrazione GRATUITA cliccando qui.
Ricerca Aziende


 
© & ® 2009-2020 modaPORTALE
Tutti i diritti sono riservati. P. iva: 06535150723
Testata Giornalistica registrata n.17/09 del 22/12/2009
presso il Tribunale di Trani.
 
Home Page | Mission | Cosa è modaPORTALE | Investor Relations | Area Press
Contatti | Pubblicità | Richiedi la Brochure
Condizioni Generali | Privacy Policy | Copyright | Sicurezza

Diventa fan su Facebook